Degustazione Custoza: "Five grapes is megl che one?"

La moda del monovitigno bianco, ben portata avanti da intere regioni come Alto Adige, Trentino e Friuli, ha retrocesso nell’immaginario collettivo gli uvaggi o a vini “di rattoppo” (nel senso di mettere assieme varie scampoli rimasti in cantina) o, all’opposto, a vini importanti e strutturati che hanno bisogno di tanto tempo per crescere e di tanti soldi per essere acquistati.




Ultimi Video





ALCUNI COLLABORATORI DI WINESURF

Non aprite quel rubinetto!

Come nei libri gialli tre indizi fanno una prova, anche se sono molto diversi l’uno dall’altro. Il primo porta con sé forse la peggiore figura che un assaggiatore d vino…

Roberto Tonini foto

Roberto Tonini

Se il direttore sapesse scrivere come lui avrebbe fatto i soldi. Maremmano 100%, memoria storica e gastronomica del gruppo.

Tiziana Baldassarri foto

Tiziana Baldassarri

Viareggina purosangue, bravissima degustatrice con una passione per le bollicine, specie  francesi, specie buonissime.

Fabrizio Calastri foto

Fabrizio Calastri

Viene dalla città dell’alabastro ed è fatto della stessa materia. Responsabile Slow Food sin dall’infanzia, nostra colonna pensante e portante.

La Voce del Vino foto

La Voce del Vino

La Voce del Vino, dove i produttori di vino italiano si raccontano alla radio. La prima web radio dedicata al vino italiano.

La redazione al completo








GARANTITO IGP

Come natura Crea: degustazione di vini da vitigni toscani antichi e rari

Sun gran parlare, spesso a sproposito, delle eccellenze italiane. Ma poi scopri che ce le hai sotto il naso e non te n’eri mai accorto. E’ il caso dell’articolazione aretina, diretta da Paolo Storchi, del Crea (il Consiglio per la Ricerca e l’Economia Agraria, ente ministeriale spalmato su dodici sedi, di cui sei “vinicole”, in…