Due forestieri che mi hanno insegnato a mangiare cose nostre!

La seconda cosa che ho amato alla follia fin da quando ero bambino è l’uovo. Da piccolo, quando abitavo nella Fattoria degli Acquisti, sotto la nostra loggia a pianterreno c’era la legnaia ed il forno per il pane, mentre nel sottoscala c’era un piccolissimo pollaio familiare, solo con qualche gallina, giusto per levarci qualche ovino fresco.



I “forestieri” che mi hanno insegnato a mangiare cose nostre!

Ho avuto una mamma di origine contadina, una nonna di estrazione signorile, un babbo ghiotto, curioso e sanguigno, che praticava cucina alla domenica e per le feste ricordate. Ho frequentato più o meno furtivamente la cucina delle grandi fattorie, dove alla bontà delle fattoresse si univa la disponibilità di materie prime di alta qualità.















Torta salata saporita

Questa facile ricetta vegetariana è un secondo piatto e servirà per 6 persone; ci vorranno circa 60 minuti per prepararla.



Il mondo dell’olio

Viene a proposito questa edizione, uscita pochi mesi fa: ancora più del titolo, convince in copertina la sua presentazione come “Manuale Slow”. Un po’ per la garanzia del marchio Slow Food, e soprattutto perché a sfogliarlo mantiene le promesse e si rivela subito un oggetto da tenere appunto a portata di mano, da consultare nelle sue varie sezioni a seconda di voglia e circostanze.