Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

25/02/2015
Vini ad Arte 2015: riflettiamo….
ingrandisci vini-ad-arte-faenza.jpg
Ad un certo punto, all'inizio di Vini ad Arte 2015, mentre si dipanava la degustazione introduttiva sulle varie zone e sottozone del Sangiovese in Romagna, guidata dal bravo e appassionato Giorgio Melandri, ho attivato un mio personalissimo sistema di viaggio  nel tempo.
Immediatamente mi sono ritrovato nei panni del frastornato novizio borgognone Charles de Machion a cui, in un periodo indefinito tra il  XIV° o XV° secolo, il maestro cantiniere padre George Melandrié cercava inutilmente di infilare nella testa dura l’importanza di conoscere le molte differenze territoriali della Borgogna e dei suoi vini.
 
Mentre padre Georges continuava ad elencare nomi su nomi (Vougeot, Beaune, Chambolle, Fixin, Pommard etc)  il giovane Charles si domandava a casa poteva servire suddividere i vigneti a seconda delle loro caratteristiche: chi nel futuro avrebbe tenuto conto di quelle più o meno astruse (secondo lui) suddivisioni?
 
Mi sono svegliato da questo sogno ad occhi aperti e sono ritornato al presente, ma questo “viaggio” ha permesso di comprendere l’importanza di una cosa che, sul momento, non solo non ritenevo così importante, ma soprattutto pochissimo legata ai risultati finali, al vino in bottiglia.
 
ingrandisci viniadarte1.jpgIntendiamoci: pur ammirando il grande lavoro di suddivisione del territorio della Romagna enologica fatto dal 2006 ad oggi, continuo a pensare che i vini romagnoli solo raramente rispecchiano in pieno le pur giuste suddivisioni (con annessi e connessi tipi di suolo, microclimi, esposizioni etc) e che alla fine dei salmi prevale essenzialmente la mano del produttore. Non si spiegherebbe altrimenti come dei sangiovese che, sulla carta, dovrebbero avere tannini grossolani li abbiano fini e viceversa, che dove si decreta sapidità questa manca e viceversa..e potrei continuare.
 
Insomma: la suddivisione della Romagna nelle molte zone e sottozone che ci hanno presentato è un atto doveroso per il futuro di questa zona, ma ad oggi non me la sento di ammettere incondizionatamente che attraverso questa suddivisione si possano elencare, a monte, le caratteristiche dei sangiovese che vi nascono.
 
Ma veniamo proprio ai sangiovese che vi nascono e che abbiamo degustato durante Vini ad Arte, l’annuale manifestazione organizzata dal Convivio di Romagna e dal Consorzio vini di Romagna, quest’anno incentrata sulla Riserva 2012.
Ma oltre a questa tipologia/annata si potevano degustare molti altri Sangiovese di altre annate, tipologie, denominazioni, sottozone, (e taciamo per bontà su come era stato organizzato l’elenco di degustazione…).
 
La Riserva 2012 è un vino con un ‘alcolicità notevole ed una ricerca di concentrazione di cui non si riesce a capire il motivo. Infatti i Sangiovese Superiore (non riserva) degustati si sono mostrati ben più che strutturati e comunque dotati di freschezza e bevibilità.
ingrandisci sangiovese.jpg 
Purtroppo si vuole creare “il grande vino” e questo nell’immaginario collettivo di molti produttori deve giocoforza passare dall’iperconcentrazione, da un uso spesso esagerato e marcante del legno, da vini giocoforza molto fasciati e monolitici e, in particolare in questa vendemmia, da gradazioni alcoliche quasi sempre superiori a 14°. Così in realtà si creano dei vini grossi, non dei vini grandi, ma cosa vuoi farci se non pochi produttori ti presentano con orgoglio vini che raggiungono i 16.5° alcolici?
 
Il bello è , come ho accennato, che le tipologie  “minori” del Romagna Sangiovese, sono spesso vini equilibrati, profumati, ben bevibili e anche con discrete possibilità di invecchiamento. Ma quando dal  Sangiovese e Sangiovese Superiore si passa alla Riserva  una bella fetta di produttori si lascia andare e vede in questo vino l’arma per sfondare sul mercato dei “grandi” (alias grossi) vini rossi italiani, non capendo che questo mercato, se c’è stato, è ormai morto da almeno 10 anni.
 
Le intenzioni ripeto sono buone, buonissime, ma spesso si sbaglia l’approccio e, specie in annate molto calde come il 2012, sarebbe occorsa una mano più leggera anche in vigneto, magari con minori diradamenti, per evitare concentrazioni che poi devi per forza “accollarti” in cantina.
 
Quindi la Riserva 2012 di Romagna Sangiovese sarà un vino da tenere ben fermo in cantina per almeno 5-6 anni prima di provare ad aprirlo. Nel frattempo godetevi il Romagna Sangiovese (magari superiore) non riserva e sono convinto che berrete bene, spendendo il giusto e magari anche con connotazioni più territoriali rispetto agli “eccessi” della riserva.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 2
Diego Amaducci
inserito il 26/02/2015

Condivido pienamente l'articolo, in molti casi è meglio il Superiore alle Riserve. Purtoppo in Romagna ( salvo rare eccezioni ) invece che l'eleganza si ricerca la struttura , snaturando le tipicità del sangiovese. in vendemmie calde e negli ultimi anni ne abbiamo avute molte, il risultato è di avere alcool esagerato e beva frenata.

terry
inserito il 26/02/2015

Vini fasciati? Grande invenzione! Non avrei saputo dire meglio! Complimenti Macchi, ancora una volta hai centrato il problema. Per una grande frequentatrice della Romagna come me sono un tormento.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
24/02/2017

Il Chianti diventa dolce? Tranquilli!

La notizia è di quelle ghiotte, su cui si potrebbero fare titoloni del tipo ...

14/02/2017

Premio Gambelli 2017: ex aequo a Luca Faccenda e Diego Bonato

Se dovessi dare un peso “gambelliano” ai segni del destino allora è chiaro che ...