I migliori vini della Guida Winesurf del 2017. I nostri Oscar!6 min read

Fate finta per un attimo di essere in un grande salone scintillante, pieno di belle persone. Queste persone sono soprattutto importanti produttori di vino, poi ci sono giornalisti, sommelier, appassionati e  persone che a vario titolo lavorano nel settore del vino.

Ma cosa succede in questo salone? C’è la premiazione dei migliori vini di una guida nazionale, l’unica completamente online, l’unica completamente gratuita, l’unica che viene letta contemporaneamente in Italia e all’estero: la Guida Vini di Winesurf.

Dato che, come ho detto, è l’unica completamente gratuita purtroppo  non si può permettere il salone scintillante, i buffet megagalattici, le presentazioni lunghe e (diciamocelo!) noiose. Quindi come tante Cenerentole dopo mezzanotte torniamo con i piedi… nel web e parliamo dei migliori vini da noi degustati nel 2017.

Prima qualche numero: nel nostro piccolo lo scorso anno  abbiamo degustato oltre 4500 vini provenienti da più di 120 denominazioni. Abbiamo iniziato gli assaggi ad aprile e finito dopo Natale.

In realtà tutti gli oltre 4500 vini sono stati già pubblicati a partire da maggio e questa carrellata vuole essere solo un modo per dare maggiore visibilità a vini che sicuramente la meritano.

Già da questo capite che siamo una guida atipica (quelle cartacee chiudono gli assaggi ad agosto per essere in libreria verso ottobre) ma siamo felici della nostra diversità perché crediamo che i bianchi giovani vadano degustati e recensiti in estate (quando uno ha più voglia di gustarli) e i rossi devono avere tempo per maturare e quindi è meglio degustarli almeno dopo i mesi caldi.

Qualcuno potrebbe obiettare che così arriviamo ultimi a dire la nostra in tante denominazioni importanti, ma alzi la mano chi regolarmente compra o ordina a ristorante  a maggio-giugno Barolo dell’ultima annata in commercio. In altre parole crediamo che i  vini vadano recensiti quando sono realmente in commercio e fruibili dal consumatore finale, non quando sono ancora in affinamento in cantina o addirittura campioni da botte.

Torniamo al nostro salone scintillante ma virtuale qua sotto: vi troverete i vini che hanno ottenuto “almeno” 4 stelle su 5, che tradotto in centesimi sono i fatidici 90/100 e quelli che ne hanno ottenute 4.5 su 5. Quest’ultimi sono pochissimi ( 8) e del resto anche le 4 stelle sono solo 81.

Per chiarezza, noi consideriamo tra i vini top anche quelli con 3.5 stelle (definiamoli tra 85-89/100, tra quelli magari trovereste tanti nomi famosi che qui mancano),  ma in questa occasione abbiamo voluto dare spazio solo a  chi merita l’Oscar.

Come sono presentati?  Prima i 4.5 stelle e poi i 4 stelle, divisi per regioni, con le regioni in ordine alfabetico. Se cliccherete su un vino andrete direttamente alla sua scheda di degustazione.

A proposito di produttori, su 89 vini solo cinque aziende ne hanno 2 e solo due ne hanno 3, quali? Vi lasciamo la soddisfazione di scoprirli da soli.

Tra gli 89 vini troverete anche diversi  “vini base” che spesso non sono per niente base, inoltre la nostra guida non copre tutta Italia e tutte le denominazioni, quindi se non troverete un vino i casi sono due: o non l’abbiamo assaggiato o non ha preso almeno 4 stelle. Per capirlo basterà andare sulla home page della guida e digitare il nome del vino o del produttore.

Ma adesso basta con le chiacchiere, entrate pure nella nostra “scintillante sala”.

 

Eccovi i migliori vini per la nostra guida

Vini con 4.5 stelle su 5

 

Lombardia

Valtellina Superiore Sassella Rocce Rosse 2007 Riserva, Arpepe

 

Piemonte

Barbera d’Alba  2015, Sandrone Luciano

Diano d’Alba Sorì Autin Gross 2016, Savigliano Fratelli

 

Sardegna

Vernaccia di Oristano Riserva 1991, Contini

 

Sicilia

Moscato di Noto, Muscatedda 2016, Marabino

 

Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2011 Phenomena, Sesti

Vinsanto del Chianti Classico 2004, Castello di Cacchiano

 

Umbria

Orvieto Classico Superiore Muffa Nobile, Pourriture Noble 2015, Decugnano dei Barbi

Vini con 4 stelle su 5

 

Abruzzo

Montepulciano d’Abruzzo Antrum 2011, Ciavolich

Montepulciano d’Abruzzo  Thale 2010, Casal Thaulero

Montepulciano d’Abruzzo Riserva  Zoe, Vaddinelli

Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Riserva La Quercia 2009, Mastrobono

 

Alto Adige

Alto Adige Pinot Nero Schweizer 2013, Franz Haas

Alto Adige Lagrein Riserva Prestige Line 2013, Cantina Produttori di Bolzano

Santa Maddalena Moar 2015, Cantina Produttori di Bolzano

Alto Adige  Gewürztraminer 2016, Cantina Produttori di Bolzano

Alto Adige Müller Thurgau Feldmareschall 2015, Tiefenbrunner

 

Campania

Fiano di Avellino  Refiano 2016, Cavalier Pepe

Greco di Tufo 2015, Sertura

Aglianico del Taburno Bue Apis 2013, Cantina del Taburno

 

Emilia Romagna

Lambrusco di Sorbara Falistra 2016, Podere il Saliceto

Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Canova, Fattoria Moretto

 

Friuli Venezia Giulia

Friuli Isonzo Rive Alte Friulano Toc Bas 2015, Ronco del Gelso

Friuli Colli Orientali Friulano Vigneto Storico 2016, Gigante

Collio Pinot Bianco 2016, Anzelin

Friuli Isonzo  Rive Alte Chardonnay Ciampagnis Vieris 2015, Vie di Romans

Collio Bianco 2016, Edi Keber

Friuli Isonzo  Teolis 2015, Renata Pizzulin

Friuli Isonzo Rive Alte Pinot Grigio 2016, Borgo San Daniele

Collio Sauvignon 2016, Komjanc

Friuli Isonzo Malvasia 2016, Renzo Sgubin

 

Lombardia

Valtellina Superiore Inferno Riserva ER 2006, La Spia

Franciacorta Brut Freccianera 2012, Fratelli Berlucchi

Franciacorta Saten  Carpe Diem, Bonfandini

Franciacorta Rosé Dosaggio Zero Boke Noir 2013, Villa

Franciacorta Rosé Extra Brut Annamaria Clementi 2007, Ca’ del Bosco

Franciacorta Dosaggo Zero 2012, Cola

Franciacorta Dosaggio Zero Gualberto 2009, Ricci Curbastro

Franciacorta Dosaggio Zero Riserva 33 2010, Ferghettina

Franciacorta Extra Brut Quinque, Uberti

 

Marche

Lacrima di Morro d’alba 2015, Col di Corte

Lacrima di Morro d’Alba Da sempre del Pozzo Buono 2016, Vicari

Lacrima di Morro d’Alba Superiore Orgiolo 2015, Marotti Campi

Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore Balciana 2015, Sartarelli

Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore San Michele 2015, Vallerosa Bonci

 

Piemonte

Gattinara San Francesco 2012, Antoniolo

Barolo D2013, Anna Maria Abbona

Barolo Bricco delle Viole 2013, Vajra

Barbera d’Alba Anna 2015, Pelissero Pasquale

Barbera d’Alba Superiore 2014, Rizieri

Barbera d’Alba 2016, Massolino

Dolcetto d’Alba 2016, Giuseppe Cortese

Dolcetto d’Alba Vignavillej 2015, Brovia

Diano d’Alba Sorì Autin Grand 2016, Savigliano Fratelli

Gavi Etichetta Nera 2015, La Chiara

 

Sardegna

Vernaccia di Oristano Antico Gregori, Contini

Vernaccia di Oristano Flor 2005, Contini

Cannonau di Sardegna 2015, Cherchi

Carignano del Sulcis  Grotta Rossa 2015, Santadi

 

Sicilia

Contea di Sclafani Cabernet Sauvignon Vigna San Francesco 2014, Tasca

Menfi Alicante Ciatù 2015, Barbera

Terre Siciliane Catarratto 2016, Gregorio De Gregorio

Terre Siciliane Bianco Lotto 1 2016, Gregorio De Gregorio

Contea di Sclafani Chardonnay Vigna San Francesco 2015, Tasca

 

Toscana

Vinsanto del Chianti Classico 2009, Badia a Coltibuono

Morellino di Scansano 2016, Terenzi

Morellino di Scansano  2014, Celestina Fé

Morellino di Scansano Riserva Colli dell’Uccellina 2014, La Selva

Bolgheri Superiore  Millepassi 2013, Donna Olimpia

Bolgheri Superiore 2014, Ornellaia

Bolgheri Rosso Campo alla Giostra 2015, Donna Olimpia

Brunello di Montalcino Bramante 2012, San Lorenzo

Brunello di Montalcino Vigna del Fiore 2012, Fattoria dei Barbi

Brunello di Montalcino Vigna Loreto 2012, Mastrojanni

Brunello di Montalcino Vigna Manapetra 2012, La Lecciaia

Chianti Classico 2015, Casina di Cornia

Chianti Classico 2015, Rignana

Chianti Classico 2015, Bandini Villa Pomona

Chianti Classico  Vigna Cavarchione 2015, Istine

Vernaccia di San Gimignano Campo della Pieve 2015, Il Colombaio di Santa Chiara

 

Trentino

Trento Extra Brut Giulio Ferrari 2006, Ferrari

Trentino Riesling Le Strope 2014, Zanotelli Elio

 

Umbria

Umbria Muffato della Sala 2013, Castello della Sala.

 

Veneto

Amarone della Valpolicella Classico Caloetto 2008 , Le Ragose

Amarone della Valpolicella  Corte Canella 2012

Amarone della Valpolicella Classico 2011, Mizzon

Amarone della Valpolicella Classico 2012, Rubinelli Vajol

Bardolino 2016, Monte del Fra

Custoza Superiore Ca’ del Magro 2015, Monte del Fra

 

 

 

 

Redazione

La squadra direbbe Groucho Marx che è composta da “Persone che non vorrebbero far parte di un club che accetti tipi come loro”. In altre parole: giornalisti, esperti ed appassionati perfetti per fare un lavoro serio ma non serioso. Altri si aggiungeranno a breve, specialmente dall’estero, con l’obbiettivo di creare un gruppo su cui “Non tramonti mai il sole”.


ARGOMENTI PRINCIPALI



  • Fabio Ciarla

    Eh, però un errore c’è… 🙂
    Di cantine che hanno tre vini in lista mi pare ce ne siano due: Produttori Bolzano e Contini.
    Bella lista ovviamente e buon lavoro agli assaggiatori!

LEGGI ANCHE