Luciano Zazzeri ci ha lasciati1 min read

C’ho pensato tutta la notte se scrivere questo articolo per ricordare un grande cuoco come Luciano Zazzeri e alla fine mi ha convinto una frase:  “La vita è solo un continuo perdere le persone che si amano”. Non ricordo chi l’ha detta ma specie quando compi sessant’anni diventa una verità incontrovertibile.

Un mese fa ci lasciava Fabrizio Piccin e ieri Luciano ha deciso che era giunto il suo momento. In un carrozzone mediatico come quello del cibo e del vino, fatto spesso di sorrisi di circostanza e di gioie gridate e raramente vissute, la morte fa ancora più rumore perché crea attorno a sé silenzio.

Dovrei quindi tacere, per rispettare chi ha scelto o ha dovuto scegliere il silenzio eterno, però in questo momento non posso non pensare a quel ragazzo di 11-12 anni con cui giocavo sulla spiaggia, davanti alla baracca dei suoi genitori, nelle interminabili giornate estive di tanti anni fa, quando il silenzio, quello vero, interrotto solo dal rumore del mare, ci insegnava senza che ce ne accorgessimo a diventare adulti.

E poi penso a quel Luciano adulto, cuoco famoso senza mai cedere ai lustrini della fama, alla sua cucina rispettosa, concreta e leggera e mi domando  quando dolore ci voglia per decidere di non provare più dolore.

Quanta gioia devi dispensare per non averne più nemmeno un briciolo? Luciano, con la sua cucina, ha fatto felici migliaia di persone, ma non è riuscito a tenerne per sé nemmeno un granello, minuscolo come la sabbia che calpestava tutti i giorni.

In momenti come questi ci vuole solo rispetto e silenzio, per quel ragazzo con cui ho diviso calde giornate estive, per quell’uomo che ha dispensato gioia a piene mani.

Grazie Luciano

Carlo Macchi

Sono entrato nel campo (appena seminato) dell’enogastronomia nell’anno di grazia 1987. Ho collaborato con le più importanti guide e riviste italiane del settore e, visto che non c’è limite al peggio, anche con qualcuna estera. Faccio parte di quel gruppo di italiani che non si sente realizzato se non ha scritto qualche libro o non ha creato una nuova guida sui vini. Purtroppo sono andato oltre, essendo stato tra i creatori di una trasmissione televisiva sul vino e sul cibo divenuta sicuramente la causa del fallimento di una nota rete nazionale. Riconosco di capire molto poco di vino, per questo ho partecipato a corsi e master ai quattro angoli del mondo tra cui quello per Master of Wine, naturalmente senza riuscire a superarlo. Winesurf è, da più di dieci anni, l’ultima spiaggia: dopo c’è solo Master Chef.


LEGGI ANCHE