Stampa estera a portata di clic: Bourgogne Aujourd’hui, n° 136-2017

“Caduto dal cielo”è il titolo principale della copertina di questo numero pressoché interamente dedicato al millesimo 2016 in Borgogna. Dopo le gelate di aprile e le grandinate successive i timori erano davvero tantissimi, non solo per le quantità, che si sapeva sarebbero state ridotte. Le sorprese, come tutti gli anni (ci siamo ormai abituati a…

VINerdì IGP: Pessac-Léognan 2012 Château de Fieuzal

Mi piacciono i Bordeaux e in genere li preferisco con un bel po’ di anni sulle spalle. Però non ho saputo resistere a questo Pessac-Léognan del 2012 di cui avevo letto che non ha pienezze esagerate. Il frutto – il cabernet sauvignon si avverte – è davvero nitido, avvincente. Bel vino. Peccato costi un po’,…

Quel Centesimo che fa pensare al terroir

Certe volte mi domando se si tratti di suggestione. Può essere, ma anche no. Forse invece è davvero l’effetto di quella cosa che i francesi chiamano terroir e che è un insieme di vigna e di terra e di clima e soprattutto di umanità, di tradizioni, di storie delle comunità su un luogo particolare. Il…




Ultimi Video





ALCUNI COLLABORATORI DI WINESURF

Paolo Costantini foto

Paolo Costantini

Voce equilibrata in una redazione di disgraziati. Parla di vino e prova ad insegnare qualcosa alle giovani leve.

Carlo Macchi foto

Carlo Macchi

Giornalista, nel mondo del vino da più di 30 anni. Oltre a gestire la famiglia di Winesurf ha scritto o scrive per quasi tutti i giornali enogastronomici.

Francesco Falcone foto

Francesco Falcone

Conoscenza, competenza, abnegazione,  bravura nell’esporre e nello scrivere: ci si domanda perché stia in Winesurf.

Alessandro Bosticco foto

Alessandro Bosticco

In un mondo di impallinati per il vino lui spara a pallettoni anche sull’olio. Per vivere insegna a mangiare e bere bene agli stranieri.

La redazione al completo








GARANTITO IGP

VINerdì IGP: Pessac-Léognan 2012 Château de Fieuzal

Mi piacciono i Bordeaux e in genere li preferisco con un bel po’ di anni sulle spalle. Però non ho saputo resistere a questo Pessac-Léognan del 2012 di cui avevo letto che non ha pienezze esagerate. Il frutto – il cabernet sauvignon si avverte – è davvero nitido, avvincente. Bel vino. Peccato costi un po’,…