Una signora ben vestita che accompagna a pranzo

Oggi la necessità di comunicare bene la propria azienda è un fatto che la maggior parte dei produttori riconosce, ma quando iniziai a propormi ad alcune aziende dicendo: “Mi occupo di pubbliche relazioni.” i più mi guardavano perplessi e dallo sguardo si capiva che
stavano pensando a qualcosa del tipo: “di pubbliche… che?”
Al massimo la PR era quella che dava i biglietti omaggio per le discoteche! Non era chiaro cosa potesse realmente fare una “Responsabile delle Relazioni Esterne” (così venni definita in una importante azienda quando iniziai a collaborare con loro) ed in effetti era tutto talmente in evoluzione che capirlo bene non era facile pure per me.

Paradosso

Paradossalmente ho la sensazione che proprio noi specialisti di comunicazione e di immagine siamo cattivi comunicatori della nostra professionalità, che è complessa e articolata.
Una prova della pessima immagine di cui godiamo: abbiamo ospite il corrispondente di un importante giornale di lingua inglese. Devo accompagnarlo prima in vigna, poi in cantina e dopo a pranzo. La visita scorre bene, si tratta di una persona molto piacevole che non fa affatto pesare il suo ruolo importante.
Al termine del pranzo, sorridendo mi dice: “Grazie della visita. Sono stato piacevolmente impressionato dall’azienda e sono contento di aver parlato di vino”. Lo guardo perplessa e visto che lui sembra molto tranquillo, a suo agio, azzardo la domanda: “Perché di cosa
avremmo dovuto parlare? Non che non si possa parlare d’altro, ma tu facevi domande sull’azienda e io ho risposto.

Non era mia intenzione contingentare gli argomenti”. “Certo!” risponde lui con tipico english self control “Ma sai, quando mi hanno detto che mi avrebbe accompagnato la PR dell’azienda ho pensato: Oddio! La solita signora ben vestita che porta a pranzo e non capisce niente di vino.”
Ora, spero non si metta in dubbio che sono una signora, mentre sul ben vestita si può Discutere, ma neanche tanto. Però ditemi voi se non è deprimente questa immagine delle PR che non capiscono niente di vino”, sigh!

A detta della Litizzetto

 Persino la Littizzeto che è (quando non è volgare, quindi ultimamente più di rado) la mia preferita e reputo una donna intelligente e spiritosa, ecco come descrive la categoria: “Una di quelle seppie sempre alla moda … il genere: dietro liceo, davanti museo, per intenderci.

Sempre sorridente perché paralizzata dal botox. Simpatica e piacevole come la peste suina. Cosa fa di mestiere? … intrattiene pubbliche relazioni, avendo fatto un quarto d’ora di liceo classico”.
Lizzi, pure tu? Ti prego, almeno tu non darci addosso anzi, dacci una mano a migliorare la nostra immagine, che da sole proprio non ne siamo capaci.

Maddalena Mazzeschi

A 6 anni scopre di avere interesse per il vino scolando i bicchieri sul tavolo prima di lavarli. Gli anni al Consorzio del Nobile di Montepulciano le hanno dato le basi per comprendere come si fa a fare un vino buono ed uno cattivo. Nel 1991, intraprende la libera professione come esperto di marketing e pubbliche relazioni. Afferma che qualunque successo è dovuto alle sue competenze tecniche, alla memoria storica ed alle esperienze accumulate in 30 anni di lavoro. I maligni sono convinti che, nella migliore tradizione di molte affermate PR, sia tutto merito del marito! Per Winesurf si occupa anche della comunicazione affermando che si tratta di una delle sfide più difficili che abbia mai affrontato. A chi non è d’accordo domanda: “Ma hai idea di cosa voglia dire occuparsi dell’immagine di Carlo Macchi & Company?”. Come darle torto?


ARGOMENTI PRINCIPALI



  • Franco Ziliani

    Maddalena Mazzeschi, l’eccezione che conferma la regola. La conosco da una vita e non sono mai riuscito a pensare a lei come ad una p.r., ma come ad una Donna, in gamba, spiritosa, intelligente, e capace, che sa far bene il proprio difficile mestiere. E che conosce il vino meglio di tanti noi giornalisti e comunicatori. O addirittura di molti produttori. Brava, bravissima!

LEGGI ANCHE