Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

19/03/2017
La "Bonarda Perfetta"…ovvero la Bonarda alla riscossa
ingrandisci bonardaperfettaproduttori.jpg
Amano chiamarla così un gruppo di produttori che ha interrotto ogni rapporto con il Consorzio dell’Oltrepò, pur rimanendo all’interno per via dell’Erga Omnes che, per legge, dà la possibilità ai consorzi di gestire alcune importantissime funzioni in nome di tutti i produttori di una denominazione.
 
Settantotto aziende agricole, fino ad oggi, hanno così deciso di entrare in un altro organismo di valorizzazione agroalimentare: il Distretto del Vino di Qualità dell’Oltrepò Pavese, all’interno del quale sperano di decidere del proprio destino e di quello di alcuni dei vini più classici del territorio.
 
Le ragioni sono più che giustificate da una realtà che vede un mercato drogato dallo strapotere degli imbottigliatori. Da anni questi hanno innescato una guerra al ribasso dei prezzi dei vini tanto da fare scendere il valore dei terreni dei vignaioli del 30% negli ultimi 15 anni. Una realtà ingombrante che domina il mercato e impone cicli di produzione improntati alla quantità e non alla qualità, per ottenere costi sempre più bassi attraverso economie di scala che però affamano le aziende agricole.
Questa folle spirale ha portato effetti negativi sulla qualità stessa dei vini che, invece di salire come in molte parti del paese, è continuata a scendere.
 
Per questi motivi un gruppo di sedici produttori entrati nel Distretto hanno aderito ad un progetto di riqualificazione del vino simbolo dell’Oltrepò, la Bonarda.
 
La Bonarda, che già  nasce con il grande svantaggio di chiamarsi con un nome appartenente ad un vitigno piemontese, ma che è composta prevalentemente di uva Croatina, e di cui nessuno sa ancora con certezza come siano andati i fatti sul nome, è il vino più consumato in Lombardia con ventidue milioni di bottiglie all’anno.
ingrandisci bonarda-perfetta--11.jpg 
Così 16 produttori nel 2015 si sono dati regole molto più restrittive per arrivare a produrre un vino che recuperi qualità e la dignità del suo passato. Le regole che si sono dati per questa “Bonarda Perfetta” che comunque esce con il nome standard Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC; sono tutte più  restrittive rispetto al disciplinare.
 
-         solo uve di collina
-         solo aziende a filiera completa dalla vigna alla bottiglia
-         solo da Croatina 100% e resa per ettaro max di 110 ql/ha (125 nel disciplinare)
-         naturalmente frizzante, dunque senza aggiunta di CO2
-         campionature qualitative in vasca di un ente terzo
-         uso esclusivo della bottiglia a forma “Marasca” che, con il logo del distretto, ne sancisce la differenza dal resto delle bottiglie di Bonarda.
-         Residuo zuccherino massimo di 15 gr/L, a prima vista può sembrare molto alto ma in realtà è il contrario se il disciplinare prevede un massimo di 50 gr/L
-         Un prezzo minimo consigliato ma che sia sempre superiore alla media di mercato
ingrandisci g.giacomelli.jpg 
In questi punti si concretizza la scommessa di questi produttori, che al momento in totale producono 90 mila bottiglie di Bonarda Perfetta, ma che hanno in progetto di arrivare a 400 mila nei prossimi 3 anni, considerando anche l’ingresso nel gruppo di altre cantine. Al momento il mercato sta dando loro ragione perché tutti hanno ormai finito la 2015 e si apprestano ad uscire con la 2016.
 
L’assaggio.
15 campioni in assaggio, alla presenza della quasi totalità dei produttori: un confronto onesto e costruttivo. Vini sui quali finalmente si può scrivere qualcosa perché tutti più o meno omogenei. Un vino mosso rosso è sempre più difficile da produrre e soprattutto da bere quando non è fatto bene o se non sa di nulla. Questi campioni invece hanno reso la degustazione divertente e per nulla faticosa. Semplici ma ben bilanciati, alcuni un po’ più dolci ma decisamente bevibili, altri austeri e di facile abbinamento. Lo spettro organolettico fornito consente di cominciare a parlare di identità e di riconoscibilità.
 
La strada è aperta per una rinascita di questo vino: ci sarà da fare, i produttori dovranno affinare le loro capacità tecniche per confrontarsi sui dettami delle nuove regole, ma certamente è la strada giusta per poter riportare questa denominazione sui binari della qualità, con la speranza che siano seguiti da chi nella qualità ha fino ad oggi creduto poco, abbagliato da facili guadagni che hanno messo quasi in ginocchio un intero territorio.
 
Auguro a questo manipolo, a questo gruppo affiatato di coraggiosi vignaioli, che le loro idee possano imporsi come modello comportamentale generalizzato al fine di poter cominciare a parlare di un vino e un territorio.
 
Li ringrazio anche per avermi aperto una finestra “diversa” sull’Oltrepò e do loro appuntamento ad un assaggio futuro per la nostra guida vini.
Autore: Gianpaolo Giacomelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 3
Maurizio Fava
inserito il 22/03/2017

tre domande all'amico Giampaolo che saluto: solforosa di imbottigliamento? perchè escludere il taglio tradizionale con barbera? solo per distingere il prodotto o per scelte tecniche enologiche? l'elenco dei produttori aderenti?

Gianpaolo Giacomelli
inserito il 22/03/2017

Ciao Maurizio, intanto provo a risponderti ad una delle domande: perchè solo Croatina? Da quello che ho capito è che viene ritenuto da tutti i produttori il vitigno ideale e anche quello tradizionale più legato al territorio. Per le altre risposte faccio commentare chi può fornirti le informazioni più attendibili.

Cristian Calatroni
inserito il 22/03/2017

Il nostro progetto ha la volontà di qualificare il vino Bonarda. La So2 massima è di 120mg/l all'imbottigliamento, addirittura tra noi vi è un prodotto So2 free. Si predilige il vitigno croatina per le sue grandi doti qualitative. Tutti i produttori sono elencati sul nostro sito. distrettovinooltrepo.it Grazie per il vostro interessamento.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...