Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

14/02/2017
Premio Gambelli 2017: ex aequo a Luca Faccenda e Diego Bonato
ingrandisci faccendabonato.jpg
Se dovessi dare un peso “gambelliano” ai segni del destino allora è chiaro che da  lassù Giulio Gambelli non si fida molto del mio modo di degustare e quindi preferisce non farmi partecipare alla giuria del Premio Gambelli.
 
Infatti in cinque anni ben tre volte (due volte per  una gamba rotta e relative operazioni, l’ultima quest’anno per un megaraffreddore) non ho potuto partecipare all’assaggio. 
 
Ma la giuria era comunque di altissimo livello, come sempre formata da soci Aset e da un bel gruppetto di “Giovani Promettenti”.
 
ingrandisci bonatofaccenda.jpgAnche quest’anno il premio Giulio Gambelli per il giovane enologo che più si ispira al modo di fare vino del grande maestro ha premiato ragazzi (due, ex aequo, mai successo!) che se lo sono strameritato, il roerino  Luca faccenda e il padovano trapiantato in Chianti Diego Bonato.
 
La premiazione è avvenuta ieri 13 febbraio, prima della cena di gala della Chianti Classico Collection alla stazione Leopolda.
 
Mi sento di affermare che, anno dopo anno,la bellezza di questo premio unico nel panorama nazionale è tutto nella faccia sorpresa e nei modi timidi dei premiati, giovani non abituati alla ribalta, agli applausi, ad essere al centro dell’attenzione.
 
Pensandoci bene il Premio Giulio Gambelli ha in sé qualcosa di rivoluzionario: è un premio nato sulla memoria di un non-enologo che premia quelli enologi ancora non famosi, non coinvolti nel jet set di questo piccolo ma grande mondo.
ingrandisci gambelligiovane.jpgNon premia un vino ma, attraverso il vino, il lavoro di un giovane. Non presenta liste e liste di vini degustati ma presenta solo i vincitori. Non ci sono sconfitti, solo giovani che ci riproveranno l’anno prossimo.
 
Ogni anno, durante la premiazione non posso fare a meno di emozionarmi, mentre una lacrimuccia viene trattenuta a malapena, perché mi viene da pensare ad un Giulio miracolosamente riportato in mezzo a noi che, con sguardo sorpreso, guarda cosa è nato grazie a lui.
Lo stesso sguardo, lo avevano i due premiati di quest’anno e questo per me è il miglior imprimatur per il loro futuro, non solo professionale.
 
Voglio ricordare che il premio Gambelli non potrebbe esistere senza l’appoggio logistico e soprattutto finanziario dei quattro consorzi toscani di tutela dove Giulio ha lavorato, quindi Chianti Classico, Brunello di Montalcino, Vino Nobile di Montepulciano e Vernaccia di San Gimignano. Altrettanto importante è l’aiuto finanziario delle aziende che hanno avuto Giulio come creatore di vini: in assoluto ordine casuale, Montevertine, Bibbiano, Rodano, Poggio di Sotto, Il Colle e Ormanni. Un ringraziamento ai consorzi e alle aziende non solo è d’obbligo ma è doveroso, perché grazie a questi aiuti i giovani enologi italiani possono avere una loro ribalta e un maestro a cui ispirarsi.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
24/02/2017

Il Chianti diventa dolce? Tranquilli!

La notizia è di quelle ghiotte, su cui si potrebbero fare titoloni del tipo ...

14/02/2017

Premio Gambelli 2017: ex aequo a Luca Faccenda e Diego Bonato

Se dovessi dare un peso “gambelliano” ai segni del destino allora è chiaro che ...