Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

10/02/2017
I vignaioli di Citeaux: che bella storia quando il vino è parte di noi
ingrandisci citeaux2.jpg
Potrà sembrare una frase forte ma da sempre sostengo che il vino è una specie di “prodotto parassita”.
 
Un qualcosa  che riesce a vivere e ad esprimersi veramente solo quando si aggancia fortemente ad altro, in particolare alla storia dell’uomo.
 
Non accadrà mai, ma se venisse scritta la storia  di come il vino, sin dai tempi più remoti, abbia  influito nella vita, nelle decisioni, nell’economia del genere umano, si capirebbe come questo prodotto sia stato il vero è proprio “Grande Fratello liquido” che da sempre, molto bonariamente, è stato accanto a noi.
 
Lo si capisce benissimo leggendo  “I vignaioli di Citeaux” il nuovo libro che il nostro Guglielmo Bellelli, oramai dedito alla scrittura e a Winesurf, ha pubblicato da pochissimi giorni.
 
Si tratta di un romanzo storico ambientato in varie regioni della Francia tardo medievale, ma soprattutto in Borgogna, nella Guascogna (in particolare nella zona di Bordeaux) e in Normandia.
 
Al centro di tutto Guillom, un bravissimo vignaiolo della Champagne che si ritrova accusato ingiustamente di essere quello che oggi sarebbe definito un assassino seriale.
 
Per fortuna riesce a sfuggire e trova asilo presso l’appena fondato Monastero di Cîteaux. Qui Guillom prende praticamente in mano la conduzione dei vigneti donati all’Abbazia e della cantina, migliorando in maniera sensibile il vino prodotto.
 
Tra un colpo di scena e l’altro, tra viaggi, fughe e  inseguimenti, non si perde mai di vista la vigna e soprattutto il come la vigna abbia segnato alcune parti della Francia, in particolare Champagne e Borgogna.
bellelli.jpg 
Non vi racconto come andrà a finire la storia anche se salto alla fine del libro, dove si trova l’approfondita e impagabile storia del Clos de Vougeot, da sempre fiore all’occhiello del monastero di Cîteaux e del Clos de Tart, unico caso di Clos coltivato (almeno nei primi tempi) da monache e comunque di proprietà della comunità femminile di Notre Dame de Tart fino agli anni della Rivoluzione.
 
Queste pagine fanno da approfondito suggello ad un libro dove personaggi realmente vissuti accanto a quelli nati dalla penna di Guglielmo permettono di trovarsi sia alla lettura di un bel libro di storia che tra le pagine di un avvincente romanzo.
 
Ma che sia romanzo o libro di storia, il risultato è lo stesso: dalle righe scritte da Guglielmo si capisce come senza la vite la nostra esistenza sarebbe stata molto diversa e forse “la bestia” o le bestie presenti nel libro avrebbero avuto il sopravvento su tutto.
 
 
 
Guglielmo Bellelli
I Vignaioli di Cîteaux
Mario Adda editore
15€
 
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
24/02/2017

Il Chianti diventa dolce? Tranquilli!

La notizia è di quelle ghiotte, su cui si potrebbero fare titoloni del tipo ...

14/02/2017

Premio Gambelli 2017: ex aequo a Luca Faccenda e Diego Bonato

Se dovessi dare un peso “gambelliano” ai segni del destino allora è chiaro che ...