Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

09/05/2013
Vini ad Arte 2013 tra conferme e.... sottozone
ingrandisci viniadarte.jpg
Di musei ne ho girati abbastanza in vita mia ma in quello bellissimo delle ceramiche di Faenza non c’ero mai entrato e non depone certo a favore delle mie velleità culturali l’averlo fatto solo per partecipare a Vini ad Arte 2013.

Questa ottava edizione della manifestazione faentina aveva come premessa quella di vedere nel ruolo di organizzatore, a fianco del Convito di Romagna, il Consorzio Vini di Romagna. Quindi accanto ai vini degli 8 soci dell’associazione che ha creato e gestito le precedenti sette edizioni si potevano assaggiare i prodotti di molte altre aziende romagnole. In totale erano presenti 33 aziende e per noi giornalisti era stata attrezzata una degustazione professionale con più di 110 vini a disposizione.
La stragrande maggioranza erano Sangiovese di Romagna, ovvero Romagna Sangiovese che è la nuova dizione della DOC, non è ancora utilizzata (solo per meri motivi temporali) da tutti i produttori. Il nuovo nome della DOC ci porta subito a parlare della divisione in 12 sottozone voluta fortemente dal consorzio e presentataci dal bravissimo Francesco Falcone, partendo dalla cartina da lui creata assieme ad Alessandro Masnaghetti.

Una presentazione molto accurata, da cui abbiamo percepito grandi diversità di clima, esposizioni, territori che però  ancora personalmente non riesco a ritrovare sempre nei vini degustati. Sarà perché, come ha giustamente premesso Francesco, l’età media dei vigneti  e di molte aziende del territorio non è molto alta, sarà perché abbiamo assaggiato diversi vini di annate molto difficili come il 2011 e il 2012, sarà che mi manca una conoscenza approfondita del territorio, sarà quel che sarà ma ancora nel bicchiere le grandi diversità che dovrebbero uscire dalla divisione in 12 sottozone (con grandi diversità al loro interno) non riesco a percepirla.
 
Percepisco invece le solite grandi differenze tra tipologie. Prima di presentarvele devo premettere che, come ben sanno i nostri lettori, le degustazioni “ufficiali” di winesurf devono vedere presenti almeno due dei componenti della redazione, ma avendo partecipato da solo posso fornire esclusivamente pareri generali sui vini degustati.
 
ingrandisci museoceramiche.jpg
Romagna Sangiovese/Sangiovese di Romagna

Erano molto pochi per farsi un’idea ma si percepisce che le aziende di punta hanno un’idea del Sangiovese “base” che lo rende ben poco base. I vini assaggiati erano infatti di bella connotazione aromatica al naso e di struttura più che sufficiente in bocca. Vini perfettamente adatti a tuttopasto  e che possono anche maturare tranquillamente per alcuni anni. Se a questo si aggiunge un prezzo “base” e quindi attorno ai 5 euro in enoteca non si può che parlarne bene.
 
Romagna Sangiovese/Sangiovese di Romagna Superiore

Una bella fetta dei vini presentati facevano parte di questa categoria, coprendo inoltre un arco temporale notevole (dal 2012 al 2009). Sarò ripetitivo ma devo riconfermare che questa è veramente la tipologia su cui puntare se si vuole sfondare sul mercato, estero in particolare. Vini quasi sempre con profumi di frutta rossa immediati e piacevoli, dotati di tannini giustamente ruvidi che spesso fanno da architrave a strutture di buon lignaggio. Anche in due annate calde e difficili come il 2012 e il 2011 abbiamo trovato vini equilibrati e di sufficiente freschezza. In diversi casi i profumi non riportano proprio direttamente al sangiovese….ma il disciplinare permette anche altre uve e quindi non si può certo fare tanto gli schizzinosi.
 
Romagna Sangiovese Superiore/Sangiovese di Romagna Superiore Riserva
ingrandisci sottozone.jpg
Molti vini anche in questa categoria, che però si è sfoltita velocemente perché ho deciso (dopo 3-4 assaggi) di non assaggiare le riserve 2011-2010. L’ho fatto perché si tratta di vini assolutamente in evoluzione ma adesso troppo ingessati tra tannini da ammorbidire, legni da digerire e  complessità da far venire fuori. Meglio quindi assaggiare 2009 e 2008, dove si trovano vini più espressi e compiuti. I Sangiovese Riserva  si confermano così una tipologia che ancora deve trovare il giusto equilibrio commerciale. Non si può basare la stragrande maggioranza della propria produzione su vini che  strizzano l’occhio alla piacevolezza per poi passare ad una riserva monolitica, chiusa, ingessata, che nella migliore delle ipotesi avrà bisogno di molti anni per rendersi presentabile. Badate bene dico presentabile, non grande! Questo perché non è che facendo dei vini grossi automaticamente si abbiano dei vini grandi. L’equilibrio è fondamentale, la profondità gustativa e aromatica è basilare ma molte riserve sembrano il fratellone gnucco, quello alto e grosso ma non certo il più sveglio in famiglia. Poi per fortuna ce ne sono di buone ma è l’interpretazione generale che mi crea non pochi dubbi.

Come mi creano diversi dubbi le Albana secche assaggiate: vini dove molto spesso il corpo è quasi assente e mascherato non certo bene da alcuni grammi di zucchero. Se ci aggiungiamo che le ultime annate hanno dato anche una bella botta alle acidità, ci ritroviamo con vini spesso poco convincenti, anche per il mercato locale. La “fuga dalla realtà” dell’Albana porta verso altri vitigni bianchi come sauvignon e chardonnay, ma con interpretazioni talmente diverse da azienda a azienda che risulta impossibile inquadrare questa tipologia che comunque ha alcuni prodotti di buon livello.

Ammetto la mia idiosincrasia sia per gli IGT rossi che per i vini dolci: non li ho assaggiati.

A questo punto non resta che darvi appuntamento per i nostri assaggi di ottobre, dove faremo (more solito) nomi, cognomi e daremo punteggi.


Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
24/02/2017

Il Chianti diventa dolce? Tranquilli!

La notizia è di quelle ghiotte, su cui si potrebbero fare titoloni del tipo ...

14/02/2017

Premio Gambelli 2017: ex aequo a Luca Faccenda e Diego Bonato

Se dovessi dare un peso “gambelliano” ai segni del destino allora è chiaro che ...